Articoli corrispondenti al tag: pirlo

Una Roma senza identità umiliata da una grande Juventus

di , 30 Settembre 2012 14:28


Juventus-Roma si gioca per la terza volta nell’anno solare 2012 e per l’ennesima volta, come dice il proverbio: non c’è due senza tre, la Roma soccombe ancora. Il risultato è sempre lo stesso: sconfitta con umiliazione, come a dire che il tanto decantato progetto di fare dei giallorossi una grande squadra per l’avvenire è ancora ai suoi primissimi passi, o che forse non è stato ancora fatto alcun passo in avanti. Dopo il successo in Coppa Italia e la l Prosegui la lettura 'Una Roma senza identità umiliata da una grande Juventus'»

Francesco Totti, l’ultimo degli Highlanders . . .

commenti Commenti disabilitati
di , 19 Maggio 2012 14:58

Alla fine ne rimarrà uno solo. Anzi, di fatto è praticamente già successo. Perché a partire dal prossimo anno Francesco Totti sarà l’unica bandiera del calcio italiano, l’ultimo fedelissimo ai propri colori. Maldini si è ritirato, Zanetti ancora resiste ma, per quanto dedito alla causa nerazzurra, non è un vero e proprio figlio dell’Inter, perché in nerazzurro ci è arrivato già adulto. Prosegui la lettura 'Francesco Totti, l’ultimo degli Highlanders . . .'»

La Roma si arrende all’uragano Juventus

commenti Commenti disabilitati
di , 23 Aprile 2012 14:42

La Juventus travolge come una sorta di uragano una Roma impaurita e senza alcuna capacità di reazione. La squadra guidata da Luis Enrique somiglia ad un pugile messo all’angoletto sin dal primo secondo e senza le opportune difese. I bianconeri battono la Roma 4-0 e meritano senza sconti la vittoria. Dopo 8’ era già 2-0, grazie alla doppietta di Vidal, poi Pirlo ha chiuso i conti alla me Prosegui la lettura 'La Roma si arrende all’uragano Juventus'»

ROMA-MILAN: tanto rumore per nulla

commenti Commenti disabilitati
di , 7 Marzo 2010 13:56

Derossi

La tanto attesa sfida delle pretendenti all’inseguimento della squadra nerazzurra è finità in perfetta parità, con tante emozioni, ma a reti bianche. Roma e Milan se la danno di santa ragione e provano in tutti i modi di prevalere l’una sull’altra ma la gara, “falsata” da alcune assenze, rimane solo un modesto rimpianto per le due squadre che dovranno arrendersi alla forza sovruman dell’Inter, l’unia squadra a rimanere soddisfatta del pareggio. La gara dell’Olimpico ai punti va al Milan, che gioca meglio e conferma di essere in un buon momento di forma, ma la Roma, pur senza brillare, va vicinissima al colpo da tre punti con Riise nel finale. Occasioni anche per Baptista, De Rossi e Vucinic dalla parte dei giallorossi, e per Borriello e Huntelaar per i rossoneri. Alla fine, però, le porte restano inviolate e Roma e Milan si ritrovano con un punto per uno, mentre l’Inter oggi, vincendo contro il Genoa, può aumentare il suo vantaggio sulle avversarie. Poche le emozioni nel primo tempo dell’Olimpico. Complessivamente gioca meglio il Milan che occupa bene gli spazi e si propone in avanti con maggiore continuità. La Roma appare contratta e preoccupata soprattutto di non scoprirsi troppo. Soprattutto sulle fasce i giallorossi non riescono a spingere con efficacia. Le azioni più pericolose, dunque, sono legate agli spunti dei singoli, come nel caso di De Rossi il cui tiro termina di poco fuori, e di Baptista che impegna Abbiati in una grande respinta. Sul fronte opposto il Milan riesce spesso ad arrivare nell’area giallorossa, ma il pericolo principale per Julio Sergio arriva da un colpo di testa di Burdisso che sfiora l’autogol. I giallorossi riescono ad arginare gli attacchi rossoneri, con qualche apprensione. Il Milan fa solo possesso di palla e la Roma le lascia il “pallino del gioco“.

mirko

Nella ripresa il Milan parte bene e mette in difficoltà una Roma troppo statica. I rossoneri giocano a ritmi più sostenuti ed evidenziano una migliore condizione fisica rispetto agli avversari. Il Milan va anche vicino al gol con Borriello, ma Julio Sergio salva in angolo. Ranieri decide, quindi, di giocarsi la carta Toni che entra per Baptista. L’ingresso dell’ex Bayern Monaco consente ai giallorossi di allentare leggermente la pressione rossonera e di proporsi con più efficacia in avanti. Il possesso palla, però, è sempre del Milan che, con Beckham e poi Inzaghi in campo, sfiora di nuovo il vantaggio con Huntelaar nel finale. In pieno recupero, invece, è la Roma a sfiorare il colpaccio con un bolide di Riise che Abbiati alza sulla traversa. L’arbitraggio, tutto sommato, è positivo. Tagliavento a differenza di Inter-Sampdoria, stavolta sbaglia soltanto una valutazione, proprio in avvio. Quando un intervento durissimo di Flamini, coi tacchetti sullo stinco di Perrotta, meriterebbe il giallo, che Tagliavento tirerà fuori correttamente per il francese alla mezz’ora per un’entrata scomposta su De Rossi. Avesse sventolato subito il cartellino Flamini sarebbe stato espulso e la partita tatticamente sarebbe parecchio cambiata. Perché Leonardo non avrebbe potuto permettersi il lusso di tenere tre attaccanti. Evidentemente per quest’anno i palazzi alti del calcio hanno qualche occhio di riguardo per la squadra di Galliani.

Fonte: www.asroma.it

Doppietta di Vucinic contro il Lanciano

commenti Commenti disabilitati
di , 7 Gennaio 2009 19:34

 

Prosegui la lettura 'Doppietta di Vucinic contro il Lanciano'»

ROMA-MILAN: Mexes a riposo

commenti Commenti disabilitati
di , 15 Marzo 2008 15:27

 

Prosegui la lettura 'ROMA-MILAN: Mexes a riposo'»

De Rossi sfida Pirlo

di , 15 Marzo 2008 01:16

 

Prosegui la lettura 'De Rossi sfida Pirlo'»

Una grande ITALIA doma il Portogallo

commenti Commenti disabilitati
di , 6 Febbraio 2008 23:39

 

Prosegui la lettura 'Una grande ITALIA doma il Portogallo'»

Panorama Theme by Themocracy