La festa all’Olimpico finisce con un pari thriller.

di , 23 Agosto 2014 16:26

Un secondo posto non placa la fame di vittoria. Tutti insieme riprendiamoci la gloria!“. La Curva Sud rivolge questo invito alla Roma in occasione della presentazione della squadra giallorossa all’Olimpico. Un invito che, come sottolinea il portiere Morgan De Sanctis, rispecchia il desiderio di squadra, società e tecnico: “Veniamo da un’ottima stagione, ma vogliamo migliorare e ricambiare l’affetto dei tifosi. Un affetto che si è fa sentire forte e caloroso. Oltre 37mila i tifosi presenti all’Olimpico per la festa giallorossa. Grande partecipazione e tanti applausi per staff tecnico e giocatori che, uno alla volta, fanno il loro ingresso allo stadio. L’applausometro premia, e non poteva essere altrimenti, i “romani” Totti, De Rossi e Florenzi, ma anche i nuovi acquisti come Iturbe, Astori, Keita, Cole ed Uçcan. Grande entusiasmo anche per il tecnico Rudi Garcia. 
La serata giallorossa prosegue con l’amichevole contro il Fenerbahce che regala gol e spettacolo. I turchi non si risparmiano, e la partita risulta vivace e piacevole. Roma bella a tratti nel primo tempo, con Ljajic in avanti insieme a Totti e Gervinho. Buoni gli spunti proprio dell’ivoriano che, innescato dal numero 10 romanista, semina spesso il panico nella difesa avversaria. Proprio da una di queste iniziative arriva il gol del vantaggio per la Roma: Gervinho viene atterrato in area da Meireles. Sul dischetto va Totti che non sbaglia e realizza l’1-0. Poco dopo arriva il pareggio del Fenerbahce con il gol su punizione di Bruno Alves. Nel secondo tempo cala il ritmo dei giallorossi, mentre cresce quello dei turchi che in pochi minuti si portano sul 3-1 con il rigore di Kuyt ed il gol di Sow. Tanti cambi per Garcia, che dà spazio, tra gli altri, anche a Iturbe e Destro, protagonisti della rimonta giallorossa. L’argentino si scatena con le sue giocate, e il centravanti trova una doppietta nel giro di cinque minuti per il 3-3 che chiude la partita.
La nota stonata della serata è legata però all’infortunio muscolare di Castan, costretto nel primo tempo a lasciare il campo dopo appena dieci minuti per un problema muscolare (il secondo in questo pre-stagione) i cui esami effettuati nei giorni successivi non hanno evidenziato nessuna lesione, ma il riposo è d’obbligo.

Fonte: www.corrieredellosport.it

I commenti non sono attivi

Panorama Theme by Themocracy