Roma-Catania finisce 2-2 nonostante un grandissimo Totti

di , 6 Maggio 2012 15:03

La Roma pareggia l’ultima partita della stagione all’Olimpico e vede allontanarsi l’Europa League. Finisce 2-2 con il Catania. Totti, autore di una gara magistrale, la sua prima doppietta della stagione, dopo aver sbagliato un calcio di rigore “generoso” ma non basta. La squadra dell’ex Montella, nonostante la posizione tranquilla in classifica, gioca un’ottima partita e riesce a strappare un pareggio con i gol di Lodi e Marchese. Luis Enrique mette in campo una formazione supersbilanciata con Taddei e Marquinho terzini. In attacco Osvaldo-Totti-Borini: Lamela e Bojan partono dalla panchina.
Lo stadio Olimpico, prima dell’inizio della gara ha salutato Giorgio Rossi, lo storico massaggiatore: 55 anni nella Roma, ora a 81 anni si godrà la pensione. Tanti ricordi e gli occhi lucidi per Rossi, che ha ricevuto anche da Baldini una targa, e una maglia autografata da Totti, De Rossi e Perrotta. Il capitano giallorosso ha tagliato il traguardo delle 500 partite in serie A, tutte ovviamente con la maglia giallorossa, e sicuramente avrebbe voluto festeggiare in maniera diversa. Invece al 9′ si è visto respingere il rigore da Carrizo, ex portiere della Lazio, e ha sparato facile sulla ribattuta con l’argentino a terra. Poi ha realizzato una doppietta che però non è servita per far vincere la Roma, anche se lo ha portato a quota 215, un solo gol da Altafini e Meazza, terzi nella classifica dei marcatori di tutti i tempi in serie A. Se è stata l’ultima partita all’Olimpico di Luis Enrique, si può dire che non è stato salutato nel migliore dei modi dai tifosi giallorossi. Tanti fischi per lo spagnolo all’ingresso in campo e alla fine del match, tanti applausi invece per Montella.  A schierarsi con l’allenatore è Francesco Totti che al 90′ va a parlare ai microfoni di Sky a bordo campo. «Oggi è tutta colpa mia - dice il capitano della Romaperché ho sbagliato il rigore nel primo tempo. Se Luis rimane? Io spero di sì. Il primo anno quasi tutti gli allenatori hanno fatto male a Roma ma per me è un grande. Poi l’anno prossimo sarà giudicato, ma io spero che rimanga. Il pareggio? Purtroppo serve a poco per l’Europa».
Il primo tempo ha regalato molte emozioni. La Roma, con il tridente Osvaldo-Totti-Borini, parte subito forte a caccia di tre punti preziosi per l’Europa League. Il Catania, che ormai non ha più obiettivi, si è difeso ed è stato pericolosissimo nelle ripartenze. Ne è nata una partita piena di occasioni da gol, bloccata sullo 0-0 dopo i primi 45 minuti solo grazie ai troppi errori sotto porta, e alle prodezze dei due portieri. L’occasione più ghiotta naturalmente, è stata il rigore fallito da Totti, ma anche la squadra di Montella ha avuto diverse chance per far male in contropiede e Lobont ha dimostrato di essere un portiere affidabile, cavandosela benissimo anche con i piedi fuori area, proprio come chiedeva Luis Enrique a inizio stagione.

La Roma ha continuato a spingere anche nella ripresa e ha trovato il gol dopo soli otto minuti con Totti che questa volta ha battuto Carrizo con un destro potente da fuori area. L’argentino si è dovuto piegare dopo una serie di ottimi interventi sul capitano della Roma. La festa giallorossa però è durata poco, perché dopo soltanto cinque minuti il Catania ha trovato il pareggio. Heinze stende Bergessio lanciato in contropiede in area e Lodi trasforma dal dischetto. La squadra di Luis Enrique si è fatta trovare ancora scoperta nonostante il vantaggio appena acquisito. Passano cinque minuti e la Roma subisce la rimonta. Marchese al 63′ e libero di calciare verso la porta dal limite dell’area, servito da Lodi su calcio di punizione. La Roma anche in questa occasione è distratta in difesa. Luis Enrique prova a dare una scossa all’attacco inserendo nel giro di pochi minuti Bojan per Osvaldo e poi Lamela per Borini. Il pareggio della Roma però, arriva sull’asse Pjanic-Totti, con il bosniaco che serve al capitano un pallone d’oro al centro dell’area da trasformare in gol. Il finale è ad alta tensione con la Roma che si riversa nella metà campo del Catania, senza però riuscire a trovare il gol della vittoria. Il più pericoloso è Bojan, che ancora una volta dimostra di fare meglio quando entra a partita in corso. Il 2-2 favorisce la Lazio, che è matematicamente in Europa League. Per la Roma invece, che ha ottenuto solo tre punti nelle ultime cinque giornate con tre pareggi e due sconfitte, l’Europa è sempre più lontana.

Fonte: www.corrieredellosport.it

Un commento a “Roma-Catania finisce 2-2 nonostante un grandissimo Totti”

Panorama Theme by Themocracy