Walter Sabatini “Vincere per sperare nella Champions League”

di , 2 Marzo 2012 15:21


Penultimo allenamento prima del derby capitolino di domenica pomeriggio. Pochi i dubbi che deve sciogliere Luis Enrique dato che sia Totti che Simplicio sembrano pienamente recuperati e che anche sul versante Pjanic filtra un certo ottimismo. Reduce dall’amichevole con la sua nazionale, il centrocampista bosniaco ieri non ha lavorato. Lo staff medico ha preferito farlo riposare a scopo precauzionale ma la sua presenza non sembra essere in dubbio. La Roma dovrà fare a meno degli squalificati Osvaldo, Cassetti e Gago. Naturalmente torna Daniele De Rossi a rafforzare il reparto difensivo dopo la scelta punitiva di Luis Enrique. In avanti oltre a Totti probabilmente giocheranno Fabio Borini ed Erik Lamela. Tutti i giocatori impegnati con le loro nazionali sono rientrati ed hanno effettuato lavoro di scarico senza forzare. Il derby di domenica è una sorta di crocevia per le ambizioni dei giallorossi. Vincere vorrebbe dire sperare nel terzo posto, perdere significherebbe abbandonare l’idea della grande competizione europea: la Champions League. La Roma ha oramai perso troppi punti sia con le grandi e sia con le piccole dimostrando una grande discontinuità che ahimé pagherà caro a fine campionato. A confermare l’obbligo di fare risultato è lo stesso direttore sportivo Walter Sabtini che ha ammesso “Il derby di domenica sarà incredibilmente importante, il terzo posto dipenderà dal risultato di questa partita, ma anche se dovesse arrivare una sconfitta, la piazza non ci abbandonerà. I tifosi hanno dimostrato di essere molto più maturi di noi“. Il dirigente giallorosso, a margine dell’iniziativa “Roma e Lazio unite contro il razzismo e l’antisemitismo” – presentata in Campidoglio e promossa dal Comune di Roma e della comunità ebraica romana, e volta a sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dell’antisemitismo in occasione del derby – ha sottolineato ancora una volta che la Roma arriva all’appuntamento “con una moderata paura, che sta crescendo con l’avvicinarsi della partita. Ma ci servirà per raccogliere tutte le nostre risorse, energie e qualità“. “Siamo una squadra capace di qualsiasi impresa – ha concluso Sabatini -, ma non sarà il risultato di una singola partita a cancellare la Roma o a portarla nell’Olimpo. Stiamo facendo un percorso e arriveremo in fondo“.

Fonte: www.asroma.it

I commenti non sono attivi

Panorama Theme by Themocracy